Grattugia

Grattugia. Italia settentrionale; ferro; inizi sec. XIX

La sua presenza è comune nelle cucine fin dall’antichità, rilevata nel Paese di Bengodi descritto da Bocaccio nel secolo XIV con la famosa “montagna di formaggio Parmigiano grattugiato“, presentata come oggetto evocatore d’abbondanza e suggestioni conviviali.

La più antica testimonianza risale ai tempi omerici essendo noto il formaggio da grattugia quando Macaone ferito alla spalla destra riceve il consiglio di Nestore “Siedi, bevi e gratta del formaggio di capra nel vino e mangia molta cipolla, perché ti stimoli a bere” ed in altra parte: “La bionda Ecamede versa a Nestore e a Macaone una bevanda ristoratrice fatta con farine, vino e formaggio grattato”.